Home > Tradizioni > Feste tradizionali > San Potito Martire > il Busto argenteo e le Reliquie

il Busto e la reliquia del braccio

il Busto è una scultura argentea del sec. XVII scolpita a Napoli, donata nel 1656 dai fratelli Potito e Tommaso Cologno, del costo di oltre settecento ducati. Nel 1873, il vescovo di Ascoli Satriano e Cerignola, Mons. Antonio Sena, desiderando arricchire Ascoli Satriano di una più insigne reliquia del Santo Protettore, ne fece domanda al vescovo di Tricarico, Mons. Simone Spilotros, il quale il 23 dicembre 1873 concesse la reliquia dell'osso dell'avambraccio di San Potito, che venne racchiuso in un artistico braccio d'argento. Sul finire del secolo XIX, i fratelli canonici Potito e Carlo Dente aggiunsero, a loro spese, a questa scultura , la base d'argento del valore di circa seicento lire. La reliquia del dito del martire, racchiusa nel petto del busto d'argento fatto eseguire dal medico ascolano Potito Coloneo o Colonna o Cologno nel 1654.

San Potito Martire - busto argenteo San Potito Martire - busto argenteo ( particolare ) San Potito Martire - busto argenteo ( particolare ) San Potito Martire - reliquia dell'osso dell'avambraccio ( particolare ) San Potito Martire - reliquia dell'osso dell'avambraccio San Potito Martire - reliquia dell'osso di un dito


Traslazione del corpo di San Potito

Nella “Passio Sancti Potiti” viene riportata la notizia della prima traslazione delle reliquie di S. Potito da Ascoli Satriano a Benevento, sotto il ducato di Sicario tra l’ 818 e l’ 839, che furono deposte della chiesa beneventana dedicata alla Madre di Dio. Il 15 maggio 1119, Landolfo, Arcivescovo di Benevento, esumò dallo squallore in cui giacevano diversi corpi di Santi martiri, tra cui anche quello di S. Potito. Le reliquie, dopo un’esposizione alla venerazione del popolo per otto giorni, il 22 maggio 1119 furono deposte in una nuova dignitosa sepoltura. Secondo F. Mostardi, nel 1156 Guglielmo I (1156-1166) donò all’Abbazia di Montevergine una trentina di ossa di S. Potito, insieme a quelle di altri Santi, per sottrarle ai pericoli provenienti dalle continue guerre, che rendevano malsicura la città di Benevento. Le altre reliquie del Santo, molto probabilmente, furono date in custodia all’ordine dei Cavalieri di Malta, che dal 1216 al 1297, è accertato, numerose terre dell’agro di Ascoli, già dei Benedettini di Venosa, passarono ai cavalieri di Malta. A Tricarico (MT), il 14 gennaio 1506, mentre era Vescovo di Tricarico Mons. Agostino de Guarino, furono rinvenute queste reliquie di S. Potito nella Chiesa della Santissima Trinità, tenuta dall’Ordine dei Cavalieri di Malta e da questa Chiesa furono trasferite nella Cattedrale, dove attualmente sono custodite dietro l’altare maggiore. Ad Ascoli era rimasto ben poco del corpo di S. Potito, forse solo un dito, che fu racchiuso nel busto argenteo del Santo. Allora il Vescovo di Ascoli Satriano e Cerignola Mons. Antonio Sena, desiderando arricchire Ascoli di una insigne reliquia del Santo Protettore, ne fece domanda al Vescovo di Tricarico Mons. Simone Spilotros, il quale il 23 dicembre 1873 concesse la reliquia di un avambraccio. Il popolo accorse numeroso per onorare la reliquia del Protettore e a proprie spese fece fondere in Napoli un reliquiario d’argento in forma di braccio, ove fu riposto l’osso dell’ avambraccio di S. Potito.       Fonte: http://www.anspiascolisatriano.it

le reliquie di San Potito Martire sono custodite a Tricarico (MT), nella cattedrale di Santa Maria Assunta
 


La base d'argento: i fratelli canonici Potito e Carlo Dente fecero costruire la base d'argento del busto di San Potito


Mons. Carlo Dente
Nacque in Ascoli Satriano il 4 novembre 1830 da Francesco Antonio e Rosa Maria Apollo. Frequentò gli studi ginnasiali, liceali e teologici nel Seminario di Ascoli Satriano e fu ordinato sacerdote da Mons. Leonardo Todisco Grande il 22 settembre 1855 nella Cattedrale di Ascoli Satriano. Fu dotato di una grande esperienza pastorale acquisita durante la sua lunghissima carriera ecclesiastica, in cui diede il suo fattivo contributo di collaboratore a ben cinque Vescovi, sia come Esaminatore Prosinodale che come Vicario Generale; dopo la morte di Mons. Domenico Cocchia fu anche Vicario Capitolare. Non si stancò mai di aggiornarsi nelle discipline ecclesiastiche, umanistiche, politico-sociali fino a quando, essendo Arcidiacono della Cattedrale e Prelato Domestico di S.S., raggiunse ultra nonagenario la casa del Padre il 30 agosto 1921.

 


Don Potito Maria Alfonso Dente
Nacque in Ascoli Satriano il 1 ottobre 1837 da Francesco Antonio e Rosa Maria Apollo e fu battezzato il 3 ottobre 1837. Compì nel Seminario Vescovile di Ascoli Satriano gli studi di preparazione al sacerdozio, compresi quelli triennio 1860-1863, e fu ordinato sacerdote fuori diocesi il giorno 30 maggio 1863, nella Cattedrale di Bisceglie da Mons. Leonardo Todisco Grande che si trovava là in “involontario esilio”, in seguito ai burrascosi avvenimenti del 1860. Licenziatosi in T, fece parte del Capitolo Cattedrale come Mansionario, esercitando il Sacro Ministero quale Economo, e fu promosso Canonico Primicerio. Sacerdote di notevole cultura umanistica e teologica, morì in Ascoli Satriano il 7 agosto 1908.

 

 


Ascoli Satriano, visitando il borgo -  © web design by Piero Pota   ( www.ascolisatrianofg.it )