Home > Chiesa AscolanaVescovi > 1737 - Giuseppe Campanile

Giuseppe Nicolò Ruggiero Ubaldo Campanile, vescovo di Ascoli e Ordona, discendente da una antica famiglia di Ravello nacque a Barletta il 16 maggio 1702 da Carlo e Teresa Santacroce. Dottore in diritto civile e canonico fu Priore nel clero di Santa Maria Maggiore in Barletta, fu elevato alla dignità episcopale da Papa Clemente XII. Resse la diocesi di Ascoli e Ordona dal 20 dicembre 1737 all’ottobre del 1771. Durante il suo episcopato, nel 1756 fu ricostruita una delle porte cittadine, la Porta di San Antonio Abate (arco dell’Ospedale o di San Potito), e sulla sommità della stessa, su espresso desiderio del presule, fu collocata la statua di San Potito, protettore della città. Il 13 luglio 1765 consacrò solennemente il convento di San Potito. Devoto estimatore del culto di San Giuseppe, fece costruire un pregevole altare nella cappella dedicata al santo. Profondo cultore dell’arte, grazie alle sue numerose conoscenze negli ambienti reali, per abbellire ancora di più la cappella dedicata a San Giuseppe, commissionò una grande tela (Transito di San Giuseppe) al famoso artista contemporaneo Corrado Giaquinto. Per abbellire ancora di più il Duomo di Ascoli, fece costruire un artistico battistero marmoreo.

     
 


Ascoli Satriano, visitando il borgo -  © web design by Piero Pota   ( www.ascolisatrianofg.it )