Home > Associazione Culturale Ascoli Satriano > Le iniziative > Le iniziative

"La Festa del Tesseramento 2007" - Resoconto della serata

by Potito Balzano

Si è svolta, come programmata, la Festa del Tesseramento 2007 presso il Centro Civico “La Marchesina” di Trezzano sul Naviglio, una struttura che offre un’ottima ricettività, oltre 250 posti a sedere, ma un’acustica pessima. La concomitanza di numerose “Prime Comunioni e Cresime”  ( siamo nel mese di Maggio) ha impedito ad alcuni soci “storici” di essere presenti ma non sono comunque mancate le emozioni: “toh….pur’ tu stè qua…..da quanta tiemp…” amici che non si incontravano da decenni. Graditissima è stata la presenza di Pietro “Gendolf” venuto dalla Germania con la moglie Gertrude così come quella di Nicola Marchitelli venuto da Medicina in provincia di Bologna. Oltre venti sono state le nuove sottoscrizioni e contiamo di superare il numero di iscritti dell’anno scorso. Brillante è stato l’intrattenimento musicale : animazione, balli e canzoni  eseguite dall’amico Antonio Ciccarelli, originario di Troia, che già aveva animato la serata del nostro primo appuntamento presso l’Hotel Holiday Inn di Assago nel 2005. Particolarmente piacevole è stato l’intermezzo teatrale offerto dall’attore Rino Marasca anima e  storico componente della  compagnia di Teatro dialettale lombardo “I Legnanesi” che Gerardo Placido ha presentato come un ideale gemellaggio di cultura popolare tra la Lombardia e la Puglia. Scoccata la mezzanotte sono stati estratti a sorte e consegnati due premi, abbinati al tesseramento, composti da prodotti alimentari pugliesi assortiti ( r’cchì’tell, fusill’ e tru’cc’l, u’gl e vin’,  vasett  d’ lampasciun, di scarciof’l, d’ pumm’d’or sott’u’gl ecc…). Al termine della festa Gerardo Placido ha dato appuntamento agli amici per la sera di Giovedì 17 Maggio  presso il Teatro di Lodi di cui è Direttore Artistico per assistere allo spettacolo de “I Legnanesi” e per gustare un ricco aperitivo con prodotti pugliesi offerti dall’Associazione dei Pugliesi della Lombardia e dell’ Associazione promozionale di Canne della Battaglia.

A RINO MARASCHI : Benvenuto ad Ascoli Satriano.
By Giovanni Battista d’Arcangelo ( detto: Titino)

Ij’ c’ penz

Ma numm v’n  e numm v’n

Ma chi ch’p d’ sar’ch’  so’ 

Sti quist d’ Legn’n ?

Sarann  falign’m

O sarann quatt ‘nf’m ?

Po’ l’v’ da nanz la cest

E uard’ lu man’fest.

 

Uard’…ma non so’ tant s’cur

Gesù…t’n  ‘nch’p lu maccatur !

e…ca m’ pozz’n’ ampenn

quist  t’n’ pur  li mmenn !!

Po’ m’lu ddinn: so’ attur

E ij’ non teng chiù paur.

Quist u qua s’ chij’m Rin’

M’ l’ha ditt G’lardin

E quann tr’s int’a la vasch’

M’ v’n amment pur lu cognom’: Marasch’

 

E’ da chiù d’ cinqci’nt mis’

Ca st’c’ facenn lu legnanis

Hann fatt tanta cos’

Pur lu teatr d’ pros’

E na vo’t’ l’ha ditt pur Strehlèr:

quist so’ megl’ d’ Scekspèr.

Na cos’ m’ l’arr’cord pur ij’:

“El nost Milàn”…e non fu na f’t’nzij’.

Fu na cos’ accussì bell

Ca sunamm li cciaramell.

 

Però si c’ facit’ ch’s’

Non è proprij’ d’ Legn’n,

iss è n’t’  a Montan’s

semp int’a la pianur pad’n

ma a me s’è squarc’t’ nu vel’

p’cchè st’c’  v’cin’a me, ca st’ch’ a Zel’

e si st’c’ d’ ch’s’ qua v’cin

d’ na cos so’ s’cur:

dum’n  c’ n’ ij’m a la cascin’

a mangè sett chil’ d’ raspadur’.                                                                


Ascoli Satriano, visitando il borgo -  © web design by Piero Pota   ( www.ascolisatrianofg.it )